11 dicembre 2017

9 dicembre - 1° cross di Natale ovvero 9° cross del Roncaccio

Una gara improntata alla rettitudine. Rettilinei e angoli retti dominano infatti il percorso di questo cross autoproclamatosi 1° Cross di natale, ma in realtà già 9° Cross del Roncaccio. Tra il cimitero di Casorate Sempione e il centro sportivo del medesimo ridente paesino la società organizzatrice ha ritagliato una gara da 5,4 km che non disdegna neanche l’attraversamento di un bosco (ma sarà regolare per un cross Fidal che assegna titoli provinciali?). Nei restanti km erba alta da falciare con un nuovo tacco 12 e un campo di granoturco, questo si già tagliato, in cui prestare attenzione alla salvaguardia dei garretti.



Sulla gara del tenutario di questo blog c’è poco da dire. I limiti fisici in cross di questo tipo risultano evidenti. E pur con tutto l’entusiasmo profuso, e l’aiuto del socio che mi ha praticamente tirato, non riesco a farmi breccia oltre la mediana della classifica. Tuttavia sarebbe bastato questo per concludere in bellezza un pomeriggio oltremodo freddo e ventoso, se non fosse stato per una F40 che, superata, mi ha ri-superato a 100 mt dal traguardo. Sono cose che possono lasciare il segno nelle gare a venire.


28 novembre 2017

25 novembre - Cross dei due pini, Besozzo

Cardana di Besozzo, cross dei due pini. Ovvero come ricavare un gran bel percorso di cross intorno ad una collina sormontata da due pini con vista lago. Tante curve, qualche salita e pochi dritti come si conviene ad una campestre. Nuvole basse e tanta pioggia nel pre-gara non tengono, infatti, lontano molti aficionados del genere. Noi, ad esempio, facciamo più di 50 minuti di auto (solo andata) per una corsa che ne dura non più di 20.




A livello prestativo oggi mi sono tornate in mente le parole di Sebastian Coe (per chi non lo conoscesse, beh, non so cosa dire) che paragonava l’atletica al poker "Sai che carte hai in mano, e magari sono solo scartine, ma devi tenere la testa alta". E così ho fatto. Mi sono buttato nella prima discesa come fosse l’ultima della mia vita, ma alla successiva salita ero già in debito Ben presto A. mi ha salutato e se n’è andato. Ma ho continuato a bluffare fino all’ultimo dei 5 km previsti, guadagnando posizioni su chi bluffava peggio di me. Poi ho avuto un moto di orgoglio. Sono andato a riprendere la sempiterna canotta verde della 3V e sull’ultima salita ho raggiunto A. Piuttosto provato, ma ancora in me da accennare uno sprint sul filo di lana.

13 novembre 2017

11 novembre - Vaprio, cross del Poker novarese

Eccoci anche quest’anno a Vaprio per assaggiare il pane con gorgonzola del ristoro finale ... e per correre il primo cross della stagione (in quella passata fu il primo, e pure l’ultimo). Quest’anno si fa sul serio: presente all’intero circuito per vedere che effetto fa correre come M50. Approcciare la disciplina con il cross di Vaprio è ideale. Curvoni tondeggianti, pochi cambi repentini, un solo fossato. Non che questo sia sinonimo di tranquilla scampagnata del sabato pomeriggio. Alla partenza la solita bella gente: circa duecento aspiranti a sporcarsi le scarpe con la polvere, che di fango neanche l’ombra.
Il primo chilometro passa a cercare l’assetto di corsa con le scarpe chiodate, evitare le buche più profonde e aggirare i sederi più grossi (non sempre in questo ordine).
Al secondo facciamo un po’ di spallate con R. della S. Marco.
Al terzo mi faccio coraggio che siamo quasi a metà.
Il quarto non me lo ricordo.
Al quinto finalmente raggiungo il mio socio che ha dei problemi, ma anch’io non sono messo meglio.
Al sesto vorrei darci dentro per andare a riprendere due M60, dato che io sono M50, e mi pare un diritto acquisito stare loro davanti. Poi però temo di essere battuto in volata. Farei una figura non degna di un M50 di fronte a due M60. Ci penso troppo ed è già tutto finito. 
93 su 213 e stesso tempo dell’anno scorso. Benvenuto M50. 

26 ottobre 2017

21 ottobre - UTLO 58K -

Solamente quando, già in pigiama, alzano la testa annoiate dal divano e ti dicono “Ah sei arrivato?” comprendi che il viaggio è terminato; anzi no, che è appena iniziato.

Ultra Trail del Lago d’Orta, Omegna, VB. 58 km, anche se alla fine erano 60 (comunque ce n’era per tutti: 34, 82 e 120 KM). Quando arrivi a Omegna, sai già che nelle prossime ore il mondo ti apparirà molto inclinato. Così è stato anche oggi. Soprattutto nella prima parte di questa UTLO 58. Si parte e si sale subito per una Via Crucis che va su dritto per dritto a Quarna. Sul ciottolato rallentamenti, soste e riprese di un’umanità variegata (ma quanti eravamo?). Allegra e godereccia all'inizio, poi via via più silenziosa sino al pellegrinaggio finale. Si scollina a Quarna di Sopra, poi c’è quella di Sotto e si attacca il monte Mazzoccone. Solita crisi da prima salita. Mi fermo a rifiatare sul sentiero monopersona, perché da dietro il gruppone ansima e mi distrae. La seconda salita, quella al monte Croce, risulta più lunga, ma meno tosta. Approccio l’inclinazione con maggiore calma e minori battiti. Molto meglio. Primi 20 km e il dislivello segna già 2000. Dal monte Novesso al traguardo (e abbiamo appena traguardato il 24esimo) ci sarebbe da menare le gambe, se uno ci fosse portato. Il tenutario del presente blog fa comunque l’impresa (personale) di correre quando c’è discesa e di non farsi sopraffare dalla fatica sul piano.

Prima di Arola (si accettano scommesse sull’accento) faccio la conoscenza con il simpatico scozzese trapiantato a New York. Non ha mai corso una ultra, ha fatto solo una maratona in allenamento, ansima, ma non si dispera. L’obiettivo è di rientrare alla base in meno di 11ore30minuti (si sa che ognuno si pone obiettivi tutti suoi). Usciamo insieme dalla base vita e lasciamo insieme pure l’ultimo ristoro di Grassona. Nella ventina di km che stanno in mezzo ai due paesi di lui avevo perso le tracce. Ero più propenso a seguire quelle di una biondina mica male, che mi ha reso quasi piacevole il tratto Pella – Grassona, dove mi sono esibito, con successo, in un mantra silenzioso “cerca di correre, cerca di correre”. Gli ultimi dodici km li faccio alla luce della frontale, immerso nella mia solitudine (e in quella dell’amico scozzese che ansima, ma non si dispera), attento a non perdere la via dettata da quelle minuscole lucciole catarifrangenti. Ancora un po’ di salita, tanto piano e un’ultima discesa per arrivare sul lungolago, dove mi esibisco in sorpassi politicamente non corretti per un vero trailer. Per la cronaca ho lasciato dietro anche lo scozzese, unicamente per una questione di secondi e di età.


A livello prestativo non si discute il miglioramento rispetto alle ultime uscite. Farsi un’idea del proprio ritmo e coltivare una certa sensibilità nel perseguirlo, anche in allenamento, può portare a risultati insperati. Per quanto riguarda la gara si può dire solo bene di un trail dove, nonostante i ristori alquanto distanziati, ti coccolano con polenta, uva, minestrina calda e uova sode (?). E gran bene si deve dire, soprattutto, dei tanti volontari che sono state la costante su tutto il percorso. Vogliamo trovare una pecca: al traguardo occorreva pagare per una birra. L’avessi saputo mi sarei portato appresso la Menabrea presente nel pacco gara.



27 settembre 2017

23 settembre - Campo dei Fiori Trail (45K)

Prima dei trail fatti negli ultimi due anni mi è capitato spesso di pensare che non avrei potuto arrivare al giorno della competizione meno preparato. Beh, ogni volta mi sono superato.

Campo dei Fiori Trail, Gavirate, Varese. 45 km (ma c’era anche una gara da 65 e la corta da 25 km), Passare otto ore in giro per i monti lascia un velo di stanchezza nelle giunture, ma soprattutto nella mente. Solo qualche giorno e qualche esercizio di allungamento dopo permettono di mettere a fuoco la solita giornata di sofferenza che ho passato. La 45 era una release aggiornata in meglio del trail dell’anno scorso. Qualche km e metro in verticale di più, percorso in molte parti nuovo. Una gara di per sé corribile con tre salite: la scalinata della funicolare, Chiusarella/Martica e la salita per tornare al Campo dei Fiori. La partenza insieme a quelli della 25 faceva immaginare fiumi di muscoli e ghiandole sudoripare cimentarsi sulla distanza scelta dal Tapabada, ma una volta superato il bivio che separava le due gare, di trailers sui sentieri se ne sono visti pochi (intendo quelli che solitamente mi superano dopo i primi dieci km).


Grazie alla preparazione specifica, basata su una dieta di frutta secca iraniana, fin dai primi km (dove c’era da correre) ho fatto a spallate con la mia soglia anaerobica. All’imbocco della famigerata scalinata aveva già vinto lei (voglio dire la mia soglia) e da lì fino alla cima del Chiusarella ho applicato la solita filosofia zen che contraddistingue le prestazioni del Tapabada: cercare di evitare l’infarto in salita, camminare in piano, non farsi male in discesa. In cima al Chiusarella mi sono fermato cinque-minuti-cinque prima di intraprendere qualsiasi azione (dico fisica e mentale). Da lì in poi, ed eravamo appena al 20esimo km, ho provato a reagire alla crisi. Le astuzie e la pazienza non sarebbero servite a superarla. Solamente grazie alla sopravvenuta crisi del socio di giornata sono infine riuscito ad impostare una modalità crociera che mi ha permesso di arrivare al traguardo nel tempo profetizzato al barettino prima della partenza.

Ancora una volta ho cercato i miei limiti e ahimè li ho trovati, su un percorso che rispetto all’anno scorso si è rivelato più divertente e soprattutto meno banale nel suo sviluppo. Salite toste, alternate ad altre più umane, terreno di tuti i tipi, dalle roccette al sottobosco con radici, dove allenare le (poche) doti propriocettive. Ristori all’altezza (quasi sempre) e docce calde completano il pacchetto. Per i finishers, poi, la bozza di birra ricevuta oltre il traguardo mai come oggi è stata apprezzata più di una medaglia. Alla fine una giornata alla scoperta di sentieri nuovi nel mio playground domenicale. 




5 luglio 2017

24 giugno - Cortina Trail

Che c’è papàRiflettevo. Chissà cosa penserete tra 50 anni di questo padre che vi portava a giro per l’Italia a visitare paesi e città con la scusa di un trail

Come tutti gli altri anche questo trail inizia con un viaggio. Fatto con la famiglia, prima a est e poi su a nord, dritto per dritto, in fuga dalla calura della piana verso quella che troveremo a Cortina. Hotel, ritiro pettorale, foto di rito. Chissà cosa ne dicono le mie pupe che mi guardano stralunate e impazienti di fermarsi 1) al primo parco giochi disponibile fuori dal palaghiaccio cortinese, 2) al ristorante per la cena.
La mattina è un tripudio di colori e di rumori: il parquet della stanza che scricchiola ad ogni passo del papà, la porta del bagno che cigola (ma quante volte andrà in bagno il papi questa mattina?), i bastoncini che cadono. Poi stretti i lacci delle scarpe il papi è nel corridoio e loro possono finalmente ritornare a dormire.


Il passaggio in auto che mi dà l’olandese spilungone fino alla partenza è solo il preludio ad un viaggio parallelo che durerà oltre 9 ore e che ci vedrà superarci a vicenda lungo i sentieri. Scatto foto, leggo sigle di nazioni su pettorali che arrivano da ogni dove, guardo in alto le meraviglie del creato e poi starto, con calma, senza fretta, godendomi questa giornata che si preannuncia spettacolo puro. La prima rampa è lunga a sufficienza per farmi venire il fiatone, ma non abbastanza per diluire il gruppo. E’ un continuo ciucciare acqua e fermarsi ai torrentelli, perché le temperature sono già alte. Il sentiero diventa pianeggiante e poi ancora in discesa. Attraversato il torrente ci congiungiamo agli ultras della 120k per risalire la val Travenanzes temuta soprattutto dal gruppone della lunga che l’affronterà sotto il sole cocente di metà pomeriggio. Per noi i tanti km che risalgono la valle selvaggia sono già caldi, ma ancora sopportabili. 


Lo scollinamento alla forcella Col dei Bos vuol dire acqua e coca cola ad un rifornimento ufficioso. Al di là della forcella una lunga discesa sarebbe da fare tutta di corsa fino al Rif. Col Gallina. Me ne guardo bene, dovessi mai recuperare posizioni in discesa! Preferisco concedermi qualche foto con sfondo Marmolada. Rifugio, primo pit stop ufficiale, a metà gara – corridori sparsi sul prato a conversare con i parenti in una mezz’ora d’aria prima delle restanti fatiche. Il recupero richiede acqua, sali, coca cola e un po’ di salato. Frutta? no grazie! Sono già io alla frutta. C’è chi da dietro mi invita a correre, approfittando di qualche km in piano. Rifiuto sdegnato. La salita al rifugio Averau mi sembra non finisca mai. Il rifugio si vede in lontananza e rimane in quella posizione per molto tempo. Sfiduciato dal caldo e dalla nostalgia mi fermo a bere e pure a mangiare, poi dietro a una curva il rifugio! Ma non quello che pensavo io. Quello è sempre là, in lontananza, anche perché si tratta di un altro rifugio, il Nivolau - la toponomastica del luogo resta incerta ai miei occhi, sopraffatto da tutte queste au. Tratto pianeggiante e sassoso fino al passo Gi-au, secondo ristoro. Acqua, sali, coca cola, un po’ di salato e anche frutta. Qualcuno sul lettino ad aspettare il rientro con l’elisoccorso. Mi attende la Forcella Giau, che mi sembra una forcella Pordoi, fatta con qualche km in più nelle gambe. Ci arrivo ancora in posizione verticale e lì per lì lo considero un successo. 


La discesa poco me gusta visto che davanti a me, a qualche infinito km di distanza scorgo i trailers che mi precedono imboccare una salita costante e lunga. Sarà l’ultima? Dal roadbook pare così, ma questo non mi esime dal trascinarmi fino al Rifugio Croda da lago lungo uno stradone in discesa che tutti gli altri percorrono saltellando giulivi (o così a me pare). Ne mancano 9 di km all’arrivo. Estraggo il cellulare, whatsappo le pupe al fine di prepararle alla parata finale. Bevo un brodino tonificante, mentre le nuvole si fanno minacciose dopo una giornata di caldo torrido. Non è che 9 km siano pochi, ma almeno la singola cifra fa bene al morale, dopo averne fatte una quarantina. Il sentiero scende a valle prima deciso poi troppo lento, Cortina là in fondo non arriva mai. Incito per l’ultima volta l’Olandese volante che sfilo al grido di “Giò a punciot!” (con tutte le dieresi del caso) - chissà se avrà inteso. Mi fermerò più volte a camminare e soprattutto a sbevazzare birra e mangiare anguria al migliore ristoro della gara, quello di Mortisa, quando ormai manca solo un po’ di bitume al traguardo. La parata con le pupe è un must, farsi immortalare sul traguardo con loro un’eccezione. Come sarà stata un’eccezione quella birra calda che mi propinano dopo l’arrivo. L’unica delusione vera di questa 3 giorni ampezzana.


Figlio di un dio minore il Cortina Trail vive all’ombra della più rinomata sorella LUT. Eppure la luce riflessa, in termini di organizzazione, professionalità e clima internazionale che si respira sul percorso, è di quelle che abbronzano. Certo non transitare sotto le Tre Cime di Lavaredo è un peccato, ma lascia la necessaria acquolina in bocca per cimentarsi sui 120 km in futuro. I panorami sono comunque di grande impatto e la scorrevolezza del percorso consentono a chi ha un po’ di allenamento di soffermarsi a gustarseli. Pacco gara da top con maglietta e gilet da finisher che valgono da soli l’impegno economico sostenuto. Esserci una volta almeno è d’obbligo per chi corre i trail. 

13 giugno 2017

4 giugno - 43^ Maratona della Valle Intrasca

Ci sono corse che vorresti non finissero mai e altre che vorresti finissero subito. Ecco per me nella seconda categoria rientra la Maratona della Valle Intrasca, ai più nota come la Valle Intrasca (tanto è sentita dagli indigeni questa storica corsa giunta alla 43esima edizione). La Valle Intrasca vorrei finisse subito non certo perché non siano piacevoli i paesaggi e i passaggi proposti sul percorso, ma per i km asfaltati da fare all'inizio e alla fine, km che ogni anno sembrano al tenutario del blog sempre maggiori. Ma anche quest'anno alla fine è arrivato il traguardo di questa corsa anomala, da fare rigorosamente a coppie, l'abbraccio con il compagno di giornata e la medaglia al collo. Il tifo da stadio in cima al Pizzo Pernice, l'abbondanza di ristori (dico nel numero meno nel menù proposto - basta uvetta per i prossimi dieci anni!) e l'atmosfera che si respira nel pre- e post- gara valgono il prezzo della Valle Intrasca. E pazienza se il risultato non era quello atteso, ma piuttosto quello corrispondente al mio livello attuale di remndmento. Certe volte è sufficiente esserci, anzi sempre ...


16 maggio 2017

6 maggio - Garda Trentino Trail

Trail a km zero, un’occasione da non perdere. Così l’Opel della Silvana e del Renzo mi scodellano a 100 metri dalla partenza, giusto in tempo per essere battezzato dal primo (dei tanti) temporali di giornata. Neanche un km di corsa e il tempo migliora. Non per molto, ma è sufficiente per godersi il panorama della “Busa” giù fino a Riva. La prima salita è lunga, sale costante. Il sentiero nel sottobosco umido si fa al ritmo delle chiacchiere dei tanti veneti on board quest’oggi. La croce di Bondiga marca il primo ristoro e poi un ultimo strappo bello tosto fino al sentiero che spiana prima del Rifugio S. Pietro. Magnificenza del posto, sentieri ricoperti da aghi di pino, il sereno prima della tempesta. E allora giù, ma con giudizio che oggi di strada ne abbiamo da fare. Si costeggia il primo dei tre laghi di oggi, quello di Tenno, il più suggestivo anche in una giornata così bigia (scatterò l’unica foto in gara). 


Si continua a scendere fino all’omonimo paese da dove parte la gara Marathon. I primi della corta mi passano sulle prime asperità della seconda salita, che di metri all’insù ne conta 1300. Fermarsi, far passare, incitare, riprendere, eh che c##o! Belli loro che non hanno i primi 17 km nelle gambe.
La strada nella seconda parte di questa salita mi è famigliare, ma non per questo meno dura. Gli strappi si susseguono. Prima crisi, ma sull’erta finale prendo il mio passo e non lo mollo. Mi dà coraggio raccogliere i primi cadaveri. Arrivo al Rifugio Pernici che il Suunto ne segna 25. La pioggia inizia a scendere costante. Molla, non molla? Indosso la Magic Jacket o tengo la ventina? Decido per l’assetto rain. E così fu che Giove Pluvio mi fece compagnia per le restanti sei ore sei. Mi cambio, mangio, e soprattutto mi scaldo con un tè. Il freddo inizia a farse sentire e sarà la costante di tutto il mio pomeriggio on the road


Riparto con piglio deciso. So che mi aspettano un po’ di km su un traverso non troppo impegnativo prima di planare sul lago di Ledro. Incontro tratti innevati. Si susseguono a pozze di fango che non provo neanche a evitare. Da Bocca Dromae (GPM con i suoi 1787 mt) si scende verso Molina di Ledro. Due-tre cadute controllate non hanno conseguenze. Si capisce: sono distratto dal contesto. Questi luoghi, mai visti, sono doping per il morale. Strade forestali si intervallano a sentieri da fare “a punciot”. Al ristoro di Molina cerco brodo e pasta, ma mi offrono birra. Il cartello parla chiaro: RITIRATI QUI, ma anche no grazie!

E allora alepapà! Alcuni km di su e giù dove correre per me significa andare in rosso. Poi quando la pioggia è ormai battente si riparte per l’ultimo millino all’insù. Mi passano via in tanti, mi sento le gambe rigide e un crampo fa capolino alla coscia sinistra. Vado al mio passo, non mi demoralizzo. Freddo, pioggia sugli occhiali, nausea (?) - mettiamo anche quella che fa epopea, ma la testa … la testa c’è. Guardo in alto per vedere il cielo, ma scorgo in the mist solo la costa del monte, che va su, all’infinito. Mi affido allora alla tecnologia: 700/800/900, sale l’altitudine del mio suunto e pure il morale. Poi finalmente 1000! Il sentiero si allarga, si costeggiano malghe ancora chiuse, stupendi abeti secolari, radure dove immagino pascolare infinite creature dei boschi. Le sento che respirano nascoste intorno a me. La magia del luogo mi assale, la pelle d’oca non è per il gelo che ormai mi è entrato nelle ossa. Vorrei vivere il momento da solo e non dividerlo con le altre retrovie di questa corsa. Rifletto: faccio questa fatica immane per vivere questi attimi, davvero attimi, che sono dell’anima prima che del corpo.

Ora dovrebbe restare solo la discesa finale: 10km e via da questa pioggia gelida. Non è proprio così. C’è ancora tanto da arrancare sulla forestale tutta pianeggiante che sovrasta Limone del Garda. Ancora una volta dover correre vuol dire per me morire. Mi fermo per riprendere fiato, mi cambio l’ennesima maglietta sotto il montura zuppo, dentro e fuori. Poi il passo Gull e l’arrivo a Malga Palaer (l'accento mettetecelo voi). Sono trascorse oltre 10 ore dalla partenza, il cielo resta scuro e la sera si avvicina. Ma gli alpini (grazie, mille volte grazie) hanno acceso il fuoco, rischiara la foresta ed è faro nella mia tempesta. Finalmente trovo il brodo. E che brodo, buonissimo! Ringrazio tutti, vorrei stringere loro le mani, uno a uno, capisco che non è facile far sera qui, sempre con il sorriso. Ora è veramente tutta discesa. 10 km to be finisher recita l’ennesimo foglio al vento. Ma rispetto a 30 km fa sembra una promessa da mantenere più che una presa per i fondelli.

E via. Scorre Punta Larici, irriconoscibile rispetto alle cento volte in cui sono stato qui, tanto è il vento e l’acqua gelida che sferza il viso e costringe i volontari a restarsene sulla jeep, Poi la bella terrazza di Pregasina (accento sulla prima a please) per concludere la planata sulla vecchia Ponale. Riva è alla vista. Le sue case, i suoi luoghi così famigliari a chi ci ha trascorso gli anni più belli si fanno sempre più riconoscibili. Adesso è un piacere immergersi fino alla caviglia nelle pozze che costellano gli ultimi km di fatica. Chi supero sente solo un pazzo che grida al vento alepapà! ed il trillo del cellulare che la Silvana già è preoccupata. L’arrivo, dopo undicioretrentaquattrominuti, sessantachilometri, tremilasettecentometri di salita è quasi al buio, e per me pure solitario y ramingo, come capita spesso ai tapascioni. Zero spettatori in piazza, ma un gonfiabile che segna la fine non si nega a nessuno. Alzo gli occhi, la torre Apponale vigila sul porticciolo scosso dalle onde di questo lago in burrasca e guarda anche me. Mi sembra di sentirla: alepapà!



Commento alla gara
Gioco in casa, ma stento a credere che chi abbia fatto questo Garda Trentino Trail non lo classifichi tra le gare più belle a cui abbia partecipato. Per i luoghi in cui si svolge (solo il passaggio dal lago di Tenno e la planata sul lago di Ledro valgono il prezzo dell’iscrizione). Per l’organizzazione, impeccabile sia nel pre che nel post gara, che ha saputo coinvolgere tutto il territorio e gestire le emergenze di una giornata meteo no. Mettiamoci anche il buon pacco gara che non stona mai per i più attenti a queste robe. So che gli organizzatori prevedono l’alternanza del senso di percorrenza ad ogni edizione. Ecco, la direzione del percorso 2017 mi sembra il più idoneo ad essere accolto favorevolmente da un maggior numero di trailers. La vecchia Ponale (e gli ulteriori 4 km) fatta alla partenza fiaccherebbe gli animi di molti e priverebbe della vista su Riva a chi, affaticato, desidera solo scorgere l’arrivo in lontananza. I 60km alternano tratti corribili (per chi può of course), con strappi maligni e salite più costanti. Spero che la moda di allungare le distanze non prenda anche il GTT. L’anello ideale per godere appieno delle meraviglie di questo paradiso è quello proposto. Il resto è mancia.

28 aprile 2017

23 aprile - Orna Trail (32K)

"Ma ci sei ancora, fa il Toni con un ghigno dei suoiQui al baretto pensavamo avessi smesso, dopo la corsa, adesso pure il blog". "Va là, va là pacialacc! Il Tapabada non sparisce mica dopo un ritiro e siccome non vi porto rancore ... Fabio, un giro di spritz per tutti, che i 49 sono suonati e oggi offro io!"

Se l’intenzione era quella di riprendermi dal DNF (per gli amici del baretto: RITIRATO!) dell’Electric Trail, dove al 25esimo avevo riposto i miei bastoncini nello zaino e salutato la compagnia, allora l’Orna trail è stato un successo per il tenutario di questo blog. Se invece doveva essere il banco di prova per quello che mi attende tra due settimane ... beh … boh … bah.

Alla vigilia della festa della Liberazione calpestare questi sentieri dell’Ossola riserva sempre qualche emozione positiva. Giornata stupenda per stare a giro enne ore, ventosa e soleggiata. Mi inerpico sulla prima rampa cazzeggiando quanto basta per tenere sotto controllo il ritmo sinusale del mio cardio. Con E. si scavalla la prima salita di oggi ad un’andatura che mi permette di non sentirmi cotto dopo un’ora di gara. Sulla seconda rampa continuo a tenere il passo di 5 km all’ora e ben presto mi accodo al Mauscilla nazionale, con cui amabilmente converserò per una metà della gara.

Il percorso mi è ormai noto dall’anno scorso, ma come sempre, in queste occasioni, la fatica è tutta di quest’anno. E si fa sentire soprattutto nell’infinita discesa verso Ornavasso, dopo aver toccato la cima Coppi del trail a 1100 mt., e nella successiva risalita al santuario della Madonna del Boden, affrontata quando ne mancano ancora una decina alla fine. Arrivato al termine dell’ultima asperità di giornata non ne ho proprio più e la spia si accende negli interminabili chilometri piani (quelli messi lì per circumnavigare l’arrivo, invece che planarci a capofitto). Chiudo in 5 ore 45’, una manciata di minuti meno dell’anno scorso. La soddisfazione è solo a metà, visto che qualche km è stato tagliato rispetto all’edizione precedente, ma oggi non è stata una sofferenza e tanto basta per tornare a casa sereno.


L’Orna trail resta un punto di riferimento di inizio stagione: 32km e D+ da 2300 mt. non sono numeri da sottovalutare. Il percorso è sempre nervoso e i tratti corribili sono riservati nel finale (almeno per chi tenta di sopravvivere a queste fatiche come me). Per il resto tre salite abbastanza lunghe e due discese a cui prestare attenzione. Adatto a chi vuole mettersi alla prova per trail più lunghi a metà stagione.

RESPONSABILITA'

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editori.